Il perché di quel caratteraccio forse dipende dal divorzio dei genitori. A dirlo è la nonna di Suarez in un’intervista a El Pais di Montevideo: “Non so perché compia questi gesti Luis, quando ha tutto per essere felice. Forse dipende dal divorzio dei suoi genitori e dalle privazioni che ne seguirono”. Nel giro di un anno è il secondo morso che il giocatore del Liverpool rifila a un avversario, prima quello ad Ivanovic, difensore del Chelsea, infine quello a Chiellini durante la partita ai mondiali tra Italia e Uruguay.

Chola” è il soprannome  della nonna di Luis Suarez: in realtà si chiama Lila René Piriz ed è tifosissima del Penarol e spiega come era suo nipote da giovane: “Luis da piccolo non era un picchiatore, era un bravo ragazzo, un compagno di giochi amichevole”. Anche se sono arrivate le scuse ufficiali da parte di Suarez a Chiellini, c’è qualcuno che è pronto a scommettere che siano state pilotate dal Barcellona, squadra interessatissima al Pistolero, che vorrebbe vedere la squalifica annullata.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014: gli italiani schifano se stessi

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, dall’Argentina a Rio in bici: 3mila chilometri per la sua Albiceleste

next