Per conoscere il destino del processo sulla morte di Giuseppe Uva, deceduto nel 2008 dopo essere stato fermato e portato nella caserma dei carabinieri di Varese, bisognerà aspettare ancora. Almeno fino al 14 luglio quando è stato fissato un nuovo interrogatorio a carico di Giuseppe Biggioggero, l’amico che quella notte di cinque anni fa venne fermato assieme a Beppe Uva. Oggi, fuori dal tribunale di Varese, c’era un gruppo di amici e sostenitori del mondo associativo che da tempo stanno affiancando Lucia Uva nella lotta per la verità  di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canale di Sicilia, Kyenge: “Ue si prenda le sue responsabilità sui migranti”

next
Articolo Successivo

Armi di Assad verso l’Italia: a Gioia Tauro la nave laboratorio Usa

next