Ore 18:00 di ieri. Le troupe dei telegiornali nazionali vengono convocate nella sede nazionale del Partito democratico a Roma, per una dichiarazione del vicesegretario dem Lorenzo Guerini. E’ la giornata in cui sedici senatori Pd, assieme ad altri due della maggioranza (Buemi e Mauro) hanno apposto la loro firma un subemendamento di trentacinque senatori per reintrodurre il Senato elettivo, ed è il giorno in cui il gruppo a Palazzo Madama di Forza Italia si spacca sulla stessa questione con i due terzi dei senatori azzurri favorevoli all’elezione diretta dei membri della camera alta. Ma Guerni, di fronte a cameraman e assistenti e senza che ci sia alcun giornalista presente, nega le difficoltà: “Siamo ad un passo dalla riforma del Senato e normale che nel corso del dibattito vi sia la presentazione di diversi emendamenti, ma il percorso procederà secondo i tempi previsti”. “Quanti secondi?“, chiede Guerini ad una componente delle staff comunicazione: “Quindici va benissimo. E quando i cameraman chiedono di poter ripetere la dichiarazione a causa dei loghi dei microfoni tenuti troppo a ridosso del volto del politico, Guerini è contrario e con una battuta si nega: “Se non mi si vede la faccia è meglio”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vox più sondaggio, trattativa Pd-M5S: “Quale la possibile base dell’intesa?”

next
Articolo Successivo

Radio Radicale, Pannella vs Bordin tra nuvole di fumo, lapsus e blackout elettrici

next