Nuovo capitolo nell’affaire Mario Balotelli; il centravanti azzurro, infatti, avrebbe avuto un chiarimento con Cesare Prandelli al momento dei saluti, subito dopo l’atterraggio dell’aereo a Malpensa. “Hai capito la lezione?”, gli ha chiesto il commissario tecnico. “Sì, mister so di aver sbagliato“, ha ammesso Balotelli. La polemica tra i due è scoppiata nello spogliatoio di Natal, nell’intervallo del match tra Italia e Uruguay; nel secondo tempo della partita, infatti, il mister lo ha sostituito senza una ragione apparente. 

Il rientro degli azzurri si è consumato tra silenzi e musi lunghi, con Balotelli che per primo si è defilato dal gruppo e subito dopo l’arrivo a Malpensa è andato via con la fidanzata Fanny a bordo di un pulmino privato. Le critiche – non troppo velate – ricevute dai ‘senatori’ azzurri non devono essergli piaciute. Buffon e De Rossi, infatti, dopo la sconfitta con l’Uruguay hanno dichiarato: “In Nazionale c’è bisogno solo di uomini veri”. Un attacco senza mezzi termini, il cui unico destinatario è parso fin da subito Balotelli, ampiamente contestato dalla squadra per i suoi atteggiamenti. Il centravanti del Milan ha affidato la sua risposta a un post su Instagram, dichiarando di non avere alcuna colpa a livello caratteriale. Poi il duro attacco: “Ho dato tutto per la Nazionale, ho la coscienza a posto e sono pronto ad andare avanti più forte di prima. Non ho scelto io di essere italiano”.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014, ottavi: il calendario e gli orari delle partite

prev
Articolo Successivo

Suarez, la “vittima” Chiellini: “La squalifica di nove giornate è eccessiva”

next