Ciro Esposito è morto per un colpo di pistola sparato ad altezza d’uomo che lo ha raggiunto alla schiena. Questo è quanto stabilito dall’autopsia eseguita dal medico legale Costantino Cialella. Inoltre sia la vittima che la persona che ha sparato erano in posizione erettaLo stesso Ciro aveva confidato ai parenti, che lo hanno poi riferito alla Digos, che prima di essere ferito si era avventato su Daniele De Santis, scaraventandolo a terra. Quest’ultimo avrebbe fatto fuoco dopo essersi rialzato. Nel corso dell’autopsia è stato anche estratto dal corpo di Esposito il proiettile per verificare se proviene dalla pistola recuperata. L’autopsia ha anche chiarito che la causa della morte è la lacerazione del polmone che ha portato a un collasso multifunzionale progressivo. Il proiettile, infatti, ha raggiunto alla schiena il ragazzo fermandosi nella quinta vertebra.

Intanto il feretro di Ciro Esposito ha lasciato l’obitorio comunale di Roma per raggiungere Napoli; nel quartiere di Scampia, in cui il giovane viveva, è stata allestita la camera ardente presso l’Auditorium, dove domani alle 16,30 si svolgeranno le esequie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Camorra, procuratore Roberti: “Casalesi non esistono più. Sconfitti dallo Stato”

prev
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, l’identikit del furgone di Bossetti. “Ha un particolare unico”

next