In Lombardia i lavoratori delle Poste Italiane scioperano per la carenza di personale. Slc Cgil ha avviato le procedure per aprire lo stato di agitazione dei dipendenti dell’azienda.

“Da tempo – fa sapere il sindacato – denunciamo una situazione di forte criticità nei Centri di Recapito e negli Uffici Postali. L’Azienda stessa aveva certificato una carenza di 400 portalettere. Con l’estate la carenza aumenta a dismisura per la programmazione delle ferie, compensata solo parzialmente dalla immissione di contratti a termine di 2-4 mesi, assolutamente insufficiente a garantire il fabbisogno”. Un situazione che porta all’aumento delle giacenze, “già molto rilevanti – aggiunge il sindacato -, anche di atti come le cartelle Equitalia, e lo scadimento ulteriore della qualità del servizio già messo sotto accusa anche da diverse Amministrazioni Comunali”.

Le responsabilità di questa situazione, secondo il sindacato “risiedono, a livello centrale, nei ritardi nell’applicazione degli accordi nazionali e regionali, che hanno portato al fallimento della riorganizzazione del Recapito e della Logistica e bene ha fatto il nuovo ad azzerare i vertici di questi settori”. Non solo. Secondo lo Slc Cgil “pesanti responsabilità ricadono anche a livello regionale e territoriale per avere affrontato con approssimazione e senza la sufficiente capacità questi problemi, preferendo una gestione del consenso basata sui soliti sistemi clientelari, purtroppo ancora assai diffusi in Poste Italiane, a scapito della professionalità e della competenza”.

Per questo il sindacato chiede interventi urgenti per far fronte a una vera e propria emergenza: “nell’immediato il rafforzamento dei contratti a termine, la trasformazione dei part-time presenti negli Uffici Postali insieme a interventi strutturali per la copertura delle carenze di organico quale condizione per la qualificazione di un servizio assai deteriorato”. Con questa iniziativa, conclude il sindacato “vogliamo anche portare all’attenzione del nuovo Amministratore Delegato, Francesco Caio, che si è espresso per il potenziamento degli investimenti nel settore del Servizi Postali, la necessità di un intervento forte per contenere lo scadimento del servizio in Lombardia e ridare fiducia ai lavoratori demotivati e stanchi di sopperire alle criticità irrisolte. A fronte di una chiusura negativa della procedura contrattuale si decideranno le iniziative sindacali più opportune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Expo 2015, le deroghe ai contratti di lavoro rendono i cantieri una terra di nessuno

prev
Articolo Successivo

Fiat Chrysler, dietro front di Marchionne 500 cassintegrati trasferiti a Maserati

next