“Io credo che una trasmissione come ‘Porta a porta’ (Rai Uno, ndr) andrebbe totalmente rinnovata. Da quanto tempo va avanti? Due secoli? Bisogna cercare di cambiare e di rinnovare. Io chiuderei ‘Porta a porta’ e farei un altro tipo di trasmissione“. Sono le parole di Roberto Fico, presidente della Commissione Vigilanza Rai del M5S, ospite di “Un giorno da pecora”, su Radio Due. “Bruno Vespa ha un contratto” – continua – “non è nemmeno un dipendente della Rai. Dagli organi di stampa apprendiamo che guadagna milioni di euro. E poi ci sono tanti giovani bravi che possono sostituirlo“. Il deputato si pronuncia anche su Giovanni Floris: “Non so se andrà a Mediaset. Floris forza dell’azienda? No, è Crozza la vera forza di ‘Ballarò’ (Rai Tre, ndr), lui è molto visto e seguito”. E sugli stipendi dei dipendenti Rai, osserva: “In questo momento, per la legge del 1 gennaio 2014, Renzi potrebbe pubblicare tutti i compensi lordi di chi intrattiene rapporti di lavoro con la Rai. E invece non lo fa“. Tra le trasmissioni preferite, Fico annovera ‘Presa diretta’, ‘Report’ e ‘Sfide’. “Quella che mi piace meno è ‘L’arena’ (Rai Uno, ndr), rivela. Il parlamentare poi parla del recente quesito inviato al presidente della Rai e al direttore generale dell’azienda sulla partecipazione della direttrice di Rai News 24, Monica Maggioni, all’ultimo meeting del Club Bilderberg a Copenaghen

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Al Jazeera: isola di libertà o megafono delle guerre?

prev
Articolo Successivo

Roma, la ‘Leopolda della Rai’ per il futuro della tv di Stato

next