Ochoa ferma Neymar e il Brasile. E’ il portiere del Messico il grande protagonista della sfida di Fortaleza. Le parate dell’estremo difensore centramericano, però, non devono ingannare: quella del Tricolor è stata una prestazione di grande spessore. La Selecao, invece, ha deluso. E non poco. Ma poteva comunque vincere, ma è incappato nella serata di grazia di Ochoa, protagonista di almeno tre grandi interventi su Neymar, Paulinho e Thiago Silva. Le due squadre restano appaiate in classifica con 4 punti ma i verdeoro conservano il primo posto in virtù del maggior numero di gol realizzati.

LE PAGELLE

Neymar 6 – Un piccolo passo indietro rispetto alla prova contro la Croazia ma il numero 10 verdeoro è sempre il migliore dei suoi. Nel primo tempo solo un miracolo di Ochoa gli nega la gioia del gol. Ogni tanto si incamponisce troppo cercando dribbling più spettacolari che utili solo per incantare un pubblico che stravede per lui. Divo

Fred 4,5 – Scolari continua a puntare sull’attaccante della Fluminense ma in due partite, oggettivamente, vede pochi palloni gestendoli nel peggiore dei modi. Se contro la Croazia si guadagna (furbescamente) un rigore, oggi con il Messico finisce per sbattere contro Marquez e compagni venendo poi sostituito da Scolari nella ripresa. Chi l’ha visto?

Ramires 5 – Viene inserito tra i titolari da Scolari dal primo minuto al posto di Hulk, acciaccato e sotto tono con la Croazia. Nei tre dietro a Fred non riesce ad incidere come dovrebbe finendo per essere lasciato negli spogliatoi al termine dei primi 45 minuti. Spaesato

Ochoa 8 – Di gran lunga il migliore in campo, il portiere del Messico è il vero protagonista della partita. Autore di parate spettacolari, riesce nel primo tempo a togliere letteralmente il pallone dalla porta sul colpo di testa di Neymar. Nel finale salva tutto sul Thiago Silva. Benedetto

Marquez 7 – Se Fred non vede un pallone durante l’incontro il merito è anche dell’ex difensore del Barcellona che dall’alto dei suoi 35 anni dimostra di avere una grande personalità nel guidare tutta la retroguardia messicana. E’ bravissimo anche in fase di impostazione del gioco ad uscire palla al piede dalla sua area di rigore. Infinito

IL TABELLINO

BRASILE-MESSICO 0-0
BRASILE (4-2-3-1): Julio Cesar; Dani Alves, David Luiz, Marcelo, Thiago Silva; Luiz Gustavo, Oscar (85′ Willian); Paulinho, Ramires (46′ Bernard ), Fred (68′ Jo); Neymar. A disp.:  Jefferson, Victor, Dante, Henrique, Maicon, Maxwell, Fernandinho, Hernanes, Hulk. All.: Scolari.
MESSICO (5-3-2): Ochoa; Aguilar, Layun, Marquez, Maza Rodriguez, Moreno; Guardado, Herrera (76′ Fabian), Vazquez; Dos Santos (84′ Jimenez), Peralta (73′ Hernandez). A disp.:  Corona, Talavera, Ponce, Reyes, Aquino, Brizuela, Pena, Salcido, Pulido. All.: Herrera.
ARBITRO: Cüneyt Cakir.
AMMONITI: Aguilar, Vazquez (M), Ramires, Thiago Silva (B).
NOTE: angoli 5-3. Rec.:  pt 1′, st 3′.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Russia vs Corea del Sud, ecco le formazioni ufficiali

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, Russia in affanno: rimonta in extremis contro la Corea

next