L’avevo scritto qualche giorno fa, in una lettera al Movimento 5 Stelle pubblicata sul Fatto: “Per una vera svolta, per cambiare davvero le istituzioni, o prendete la maggioranza assoluta (il che è difficile), o scendete a patti come fece la Lega (che, trasformandosi da partito di protesta in partito di governo, arrivò al 12%). Essere dentro davvero, continuando a denunciare le nefandezze. Sporcarsi le mani, sapendo però che – a differenza di altri – ce le si può sempre lavare. Non vedo alternative”.

I 5 Stelle hanno deciso di “sporcarsi le mani”: hanno risposto al Renzi che qualche giorno fa chiedeva loro provocatoriamente “Accetteranno di discutere le riforme o continueranno a urlare e insultare?”, offrendo il dialogo sulla legge elettorale approvata dagli iscritti. Una legge elettorale proporzionale ben diversa dall’Italicum, che offre una maggioranza bulgara a chi supera il 37%, uccide i partiti non coalizzati (come il M5S) e non contempla le preferenze.

Una brutta legge l’Italicum, costruita con Berlusconi per far fuori il M5S, grazie all’alibi che i grillini avevano detto no al dialogo.

Ma ora cambia tutto: Grillo e Casaleggio, come a poker, dopo aver detto a lungo “passo”, hanno deciso di “andare a vedere”. Hanno detto “Eccoci, discutiamone insieme”. E così Renzi, alla vigilia dell’incontro di martedì con Berlusconi, si trova una bella gatta da pelare. Cosa farà adesso? Si siederà intorno a un tavolo con loro? Ora che non può più dire di essere stato costretto trattare con Berlusconi perché i 5 Stelle hanno detto no, ha di fronte a sé la scelta più difficile, con cui finalmente capiremo chi è davvero e cosa vuole.

Matteo: #staiconBerlusconi o #staiconGrillo? 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Renzi: “Noi vogliamo”. Il dizionario del rottamatore

next
Articolo Successivo

Expo 2015, Sala: “Mio errore obbedire a Formigoni”. L’ex governatore: “E’ nervoso”

next