Più che una rivincita, un’autentica umiliazione. All’Arena Fonte Nova di Salvador l’Olanda batte 5-1 la Spagna nella prima partita del girone B di Brasile 2014, replay della finale del Mondiale 2010. Dopo il rigore del vantaggio delle Furie Rosse siglato da Xabi Alonso, succede l’impensabile: i campioni in carica subiscono una lezione di calcio e calano a picco, affondati dalle doppiette di Van Persie e Robben e dal sigillo di De Vrij.

LE PAGELLE

Robben 8 – Quando quattro anni fa in finale sbagliò un gol fatto davanti a Casillas, tutti lo etichettarono come “perdente di successo”. Ora la rinvicita, con una Champions vinta da trascinatore e una partita spaccata in due con velocità e senso del gol.

Van Persie 8 – Non tocca palla per tutto il primo tempo, nascosto, sornione. Poi quel cross di Blind prima dell’intervallo e un tuffo d’angelo tanto bello quanto efficace. Per il suo morale è una boccata d’ossigeno, per la Spagna l’inizio della fine.

Van Gaal 7,5 – E’ anche e soprattutto la sua vittoria. Un voto che vale per tutti quei giovani, vedi Martins Indi, Blid, De Vrij, mischiati sapientemente col talento e l’esperienza del tandem offensivo: un mix devastante per gli avversari.

Casillas 5 – E’ lui il simbolo di una Spagna che fatica a rinnovarsi. I due titoli europei e quello mondiale sono in bacheca a ricordare lo strapotere delle Furie Rosse negli ultimi 6 anni, ora c’è bisogno di altro. Paperissima sul gol del 4-1.

Diego Costa 5 – Iniesta, Silva e Xavi aspettano i suoi movimenti, un “punteros” così la Spagna non lo ho mai avuto. Lui lo spazio lo trova al 27′ e si guadagna un rigore con esperienza: poi però sparisce, si nasconde e sembra aver paura.

Torres 5 – Nel finale sbaglia un gol fatto: sarebbe stato il 2-5 ma andava siglato. Un’umiliazione senza cattiveria, per le Furie Rosse solo un’ammonizione per proteste: el Nino è il simbolo della carenza di motivazioni per gli iberici.

IL TABELLINO

Spagna-Olanda 1-5

Reti 27′ Alonso rig. (S), 44′ Van Persie (O); 53′ Robben (O), 64′ De Vrij (O), 72′ Van Persie (O), 80′ Robben (O).
Spagna (4-2-3-1): Casillas 5; Alba 5,5, Azpilicueta 5,5, Pique’ 5, Ramos 5,5; Alonso 6 (62′ Pedro 5), Busquets 5,5; Iniesta 6, Silva 5,5 (78′ Fabregas 5), Xavi 5,5; Costa 5 (62′ Torres 5). A disp.:  De Gea, Reina, Albiol, Juanfran, Martinez, Cazorla, Koke, Mata, Villa. All.: Del Bosque 5.
Olanda (5-3-2): Cillessen 6; Blind 7, De Vrij 7 (76′ Veltman 6,5), Janmaat 6,5, Martins Indi 6,5, Vlaar 6,5; De Guzman 6,5 (61′ Wijnaldum 6,5), De Jong 6,5, Robben 8; Sneijder 7, Van Persie 8 (79′ Lens 6,5). A disp.:  Krul, Vorm, Kongolo, Verhaegh, Clasie, Fer, Depay, Huntelaar, Kuyt. All.: Van Gaal 7,5.
Arbitro: Nicola Rizzoli 6,5.
Ammoniti: De Guzman, De Vrij, Van Persie (O), Casillas (S).
Note: angoli 4-1, Rec.  pt 1′, st 4′.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ghana – Stati Uniti: guarda la diretta

next
Articolo Successivo

Mondiali 2014, Del Bosque: “Spagna, sconfitta meritata, Olanda superiore”

next