Un grande striscione con su scritto “Andrea e Jessica oggi sposi” campeggerà nella curva Ovest dello stadio Nicola Ceravolo di Catanzaro. È la curva riservata agli ultras del Catanzaro calcio. E Andrea Amendola è il capo degli ultras. Ma non solo: è anche consigliere comunale di Forza Italia. E Jessica Gentile, dai lunghi capelli biondi, è la sua futura sposa. Si sposeranno nello stadio comunale. È tutto pronto per il fatidico sì del 12 luglio: sarà un matrimonio di circa mille invitati, non esattamente una festa tra pochi intimi, inclusi consiglieri di maggioranza e opposizione. Il sindaco Sergio Abramo, invitato di spicco al matrimonio di Amendola, non ci trova nulla di male e a ilfattoquotidiano.it commenta: “Che c’è di male? È una cosa carina, non crede?”.

Sarà anche carina, ma la decisione non è passata attraverso una delibera del Comune, poiché il futuro sposo ha sì incassato il consenso del consiglio comunale, che ha deciso all’unanimità, ma solo con un accordo verbale. Trattamento di favore? “No”, assicura il sindaco, spiegando che presto, con una delibera comunale, sarà consentito a chiunque di sposarsi sull’erba del Ceravolo: “Non vogliamo che qualche maligno pensi che stiamo favorendo qualcuno: la possibilità sarà estesa a chiunque”.

Nell’attesa, il consigliere comunale di Fi e capo delle aquile giallorosse, sarà il primo a impalmare una consorte a centrocampo. Il Quotidiano di Calabria ha già annunciato il nutrito parterre di invitati: la giunta al completo, includo il primo cittadino Sergio Abramo, più duecento tifosi del gruppo “Ultras 1973”, e altri tifosi di Fiorentina, Brescia, Barletta, Reggio Calabria, Siracusa, Olbia e Salisburgo. In totale mille invitati. L’unico a non essere avvertito è il padrone di casa, il Presidente del Catanzaro Calcio, Giuseppe Cosentino, che agli amici ha confidato: “Amendola si sposa nello stadio dove io pago migliaia di euro l’anno per la sua manutenzione e la gestione? Una festa senza dirmi niente? Aspetto che vengano a chiedermi le chiavi”.

E secondo indiscrezioni, il matrimonio di Andrea e Jessica, rischia persino di diventare un caso sportivo: “Il presidente – dice una fonte che preferisce mantenere l’anonimato – è talmente amareggiato che sta pensando di lasciare la squadra”. E pensare che il matrimonio si dovrebbe festeggiare con i cantieri aperti per la ristrutturazione dello stadio. Insomma, sembrava tutto perfetto ma poi, all’improvviso, qualcosa è andato storto.

I commenti della gente, l’amarezza del patron Cosentino, le polemiche. A il fattoquotidiano.it Amendola commenta: “Prima di qualsiasi decisione, prenderò una pausa di riflessione. Tre giorni per pensarci su. La decisione di sposarci al Ceravolo sta creando problemi con la mia fidanzata”. E così, se il sogno di Andrea era sposarsi con Jessica allo stadio, il sogno di Jessica è sposare Andrea altrove, perché questa scelta rischia di non piacerle più come prima. La futura consorte vuole fare un passo indietro? Andrea non sa cosa fare. Ora è davvero nel pallone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inchiesta Avastin-Lucentis, perquisizioni della Guardia di finanza nella sede dell’Aifa

prev
Articolo Successivo

Immigrazione, nelle ultime 24 ore salvati oltre 2.500 migranti nel Canale di Sicilia

next