In Italia la morte in utero colpisce circa un bambino ogni 275 nati.

Ogni anno, tre milioni di famiglie perdono un bambino a poche settimane o a poche ore dalla nascita. Questo dato, che coinvolge in misura estrema soprattutto i paesi a basso sviluppo economico, riguarda però migliaia di famiglie anche in Italia, e sta a significare che negli ospedali italiani ogni giorno sei bambini nascono senza vita.

Return to Zero”, diretto da Sean Hanish – presentato a vari festival e trasmesso in prima visione dal canale Lifetime  – è il primo lungometraggio americano che narra la morte in utero e le relative conseguenze sulla coppia, sulla famiglia e la collettività.

Gli eventi affrontati nel film sono ispirati alla vera storia del regista e della moglie. La coppia, all’ultimo mese di gravidanza, si prepara all’arrivo del primo figlio, che purtroppo morirà in utero pochi giorni prima della nascita. Il film racconta i tentativi della coppia di reagire e sopravvivere all’evento, e focalizza i passaggi chiave dell’elaborazione del lutto, i rischi cui si va incontro, se non si riceve un adeguato sostegno, e soprattutto le difficoltà che la società e le persone in lutto hanno nel relazionarsi rispetto a tale circostanza.

L’obiettivo del film è quello di permettere una visione realistica e profonda del lutto perinatale anche in chi non ne è direttamente coinvolto, al fine di cambiare il modo in cui comunemente sono conosciuti la morte in utero ed i suoi effetti sulle famiglie e l’intera comunità.

Anche se sono rari gli editori e i direttori televisivi con lo sguardo tanto aperto da comprendere che il lutto merita di trovare uno spazio all’interno della vita culturale di un paese, l’associazione CiaoLapo onlus sta cercando, a proprie spese, di distribuire il film, con l’intento di rompere il silenzio che circonda la morte perinatale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Massimo Troisi, 20 anni fa si spegneva il talento di un artista gentiluomo

prev
Articolo Successivo

Massimo Troisi, napoletano e universale

next