“Questo taglio di 150 milioni di euro è il sintomo di un disprezzo totale verso la Rai”. Secondo Carlo Freccero, ex direttore Rai2 e Rai4, “quel pubblico lì che ha votato, il suo pubblico democristiano” del Presidente del Consiglio Matteo Renzi “adora la Rai”. “Se a quel pubblico togli ‘Don Matteo’ – dice in un convegno a Roma – si incazza veramente, deve capire che se lui è democristiano deve essere un po’ più furbo”. “Per lui – aggiunge – la cultura è solo cibo, è solo Farinetti: lui avrebbe voluto che il ministro della Cultura fosse Farinetti”. Critica poi la gestione del servizio pubblico negli ultimi anni: “La Tarantola non è all’altezza – conclude –. Io sarei stato all’altezza”  di Paola Mentuccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grano saraceno, gaffe M5S: “Stop all’import”. Ci cascarono anche Pd e Lega

next
Articolo Successivo

Rai, Mentana: ‘Reazione di viale Mazzini? Molto corporativa. E’ finita la monarchia’

next