cellulariIeri si è verificato un evento epocale nell’evoluzione della specie: un piccolo passo per l’uomo, ma un grande balzo per l’umanità (N. Armstrong). Il buon vecchio Homo sapiens, in un momento di distrazione, è entrato in bagno senza bussare e vi ha incontrato non semplicemente un figlio, ma l’Homo digitalis, la specie umana che lo soppianterà. Oddio, non è stato un bello spettacolo. L’Homo digitalis, infatti, era seduto sul cesso, ma pure da lì esplicava la sua attività principale: messaggiare. Che fa l’Homo sapiens in una situazione come questa? Se è beneducato, e io modestamente lo fui, si scuserà e aspetterà. Se però è proprio Sapiens, anzi Sapiens sapiens, si metterà a esercitare la propria attività vitale principale, quella che probabilmente lo porterà all’estinzione: pensare.

Messo in termini terra-terra, e anche più in giù, scarico-scarico, l’interrogativo è stato: perchè mai messaggiare anche in bagno? Le risposte, nel caso, erano due. Primo, l’esemplare di Homo digitalis in questione è stato recentemente rapinato del cellulare: evento comune ma traumatico, corrispondente a ciò che per l’Homo sapiens sarebbe una lobotomia frontale, e che comporta per l’Homo digitalis, quando il cellulare viene ricomprato, normalmente a spese dell’Homo sapiens, un messaggiamento infernale per ristabilire tutte le connessioni interrotte. Secondo, l’Homo digitalis tende ad accoppiarsi, benché spero non ancora a riprodursi, con la Foemina digitalis: che naturalmente messaggia senza interruzione pure lei, forse persino dal bagno, ristabilendo così la parità verso il basso.

Vi risparmio tutte le riflessioni ulteriori; in particolare, l’ipotesi che l’Homo digitalis non sia affatto connesso con il mondo, come lui crede, bensì solo con piccole comunità digitali, con usi e costumi che lui ritiene originali mentre sono identici dappertutto, da Manhattan al Bangladesh. Aggiungo solo, per la completezza dell’informazione, che l’evento si è prodotto nei dintorni delle elezioni europee, e che l’Homo digitalis non vota, alla facciazza dell’e-democracy di cui si ciancia nei convegni. Dobbiamo strapparci i capelli o, peggio, i cavi del pc? Macché. Piuttosto, consoliamoci pensando che, se mai votasse, l’Homo digitalis lo farebbe seguendo la propria comunità o tribù poco più estese, prolungamenti dei guru o dei furbetti digitali del momento.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gioco d’azzardo, quando la hostess diventa croupier

next
Articolo Successivo

Obesità, la Cina seconda solo agli Usa: 62 milioni di persone “malate”

next