Nuovo scherzo realizzato dallo staff della trasmissione radiofonica “La Zanzara” (Radio24) per voce dell’imitatore Andro Merkù. Stavolta la vittima è il candidato di Fratelli d’Italia per le europee Magdi Cristiano Allam, gabbato da un finto Papa Francesco. Nella telefonata-scherzo, non mancano i convenevoli e i tributi di riverenza del giornalista egiziano per il pontefice, che nel finale rivolge al suo interlocutore una domanda a bruciapelo: “Ho letto che lei vuole denunciare il presidente della Repubblica Napolitano“. Il riferimento è a un articolo pubblicato su “Il Giornale” del 20 maggio, in cui l’europarlamentare annuncia di aver deciso di denunciare il capo dello Stato e spiega che tramite l’associazione “Salviamo gli italiani” sono stati presentati in procura diversi esposti: uno contro Napolitano, altri contro l’euro, lo Stato, le banche, il governo Monti per la vicenda dei Marò. Imbarazzato, Allam conferma: “L’ho scritto oggi su “Il Giornale”. Lo voglio denunciare per il colpo di stato finanziario che nel novembre del 2011 ha portato Silvio Berlusconi alle dimissioni“. “Ma lei intende farlo di sicuro?”, insiste il finto Papa Francesco. “No” – replica il candidato di FdI – “E’ una denuncia politica, non è un atto penale… è un tema un po’ delicato. Ma se questo dovesse crearle problemi, me lo dica pure“. “Ne parleremo sicuramente a Santa Marta” – risponde l’imitatore del pontefice – “La farò chiamare dalla nostra segreteria di Stato vaticana” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni europee 2014 e oltre: il coraggio di autorganizzarsi e cambiare

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2014, Renzi al Fatto: “Non faccio miracoli. Non è il mio Parlamento”

next