Boom di ascolti su Rai1 per l’intervista in diretta di Bruno Vespa a Beppe Grillo nella puntata di ieri di Porta a Porta. Il programma ha totalizzato 3 milioni 165mila spettatori, per uno share del 23.75%. Nel dettaglio, però, la prima parte di Porta a Porta con la sola intervista a Beppe Grillo ha ottenuto il 26.88% con 4 milioni 276mila spettatori, mentre la seconda parte con Lucia Annibali ha ottenuto il 14.24% con 1.271.000 spettatori. Numeri importanti quelli totalizzati dal salotto bianco di Rai1, che ha letteralmente sbancato la seconda serata delle televisioni generaliste. Un ottimo risultato, inoltre, anche se paragonato alla puntata di Porta a Porta con ospite unico Matteo Renzi.

Era il 13 marzo quando il presidente del Consiglio andò da Vespa per farsi intervistare a poche settimane dall’incarico ricevuto dal Colle e all’indomani della puntata i dati di ascolto parlarono di un un 25,1% di share con 2,2 milioni di spettatori davanti alla tv a seguire l’intervista. Erano altri tempi, però: il premier era appena stato nominato e poteva contare sull’onda lunga dell’entusiasmo suscitato in parte del Paese e nel suo elettorato. Ieri, invece, in piena campagna elettorale, è toccato a Grillo fare il boom, superando anche la ‘performance’ del segretario del Partito democratico. I risultati delle due puntate, tuttavia, non sono paragonabili proprio in virtù del diverso momento contingente

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo a Porta a Porta, Vespa lo mette KO. Ma è lo stesso Bruno degli ultimi vent’anni?

prev
Articolo Successivo

Turismo online, i giganti sul banco degli imputati

next