Arresto lampo a Bruxelles per Luca Casarini, candidato dell’Altra Europa con Tsipras alle elezioni europee e tra i leader del movimento no-global. E’ fermato e sarà rilasciato nel pomeriggio insieme ad altre 240 persone dalla polizia belga a seguito degli scontri avvenuti in una manifestazione contro il summit di Business Europea, l’associazione degli industriali della Ue. Tra i fermati ci sono anche tre deputati belgi del partito ambientalista Ecolo e Beppe Caccia, consigliere comunale di Venezia. La manifestazione era stata indetta per protestare contro il Ttip, il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti fra Unione europea e Stati Uniti

La polizia era presente in massa sul posto, con la squadra anti-sommossa e un’autopompa che è stata usata sugli attivisti, coinvolti in tafferugli con poliziotti in borghese. Il sindacato belga di area cattolica Csc in mattinata ha denunciato una manipolazione da parte delle forze dell’ordine per screditare i manifestanti. “Sono manifestanti pacifici, tra cui ragazze giovani, anziani e anche deputati”, ha dichiarato il rappresentante sindacale Felipe Van Keirsbilck, spiegando che l’obiettivo della protesta era quello di “attirare l’attenzione del pubblico sui rischi dell’accordo transatlantico, che svende i nostri diritti ambientali e

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Notte dei musei 2014, Colosseo sarà aperto. Trovato accordo con i sindacati

prev
Articolo Successivo

Lazio, M5s: “Mille euro in più al mese a 100 dipendenti”. Regione: “Non è vero”

next