Ducati Energia si avvia sulla strada della quotazione in Borsa. Ad annunciarlo è stato il presidente e ad Guidalberto Guidi – padre di Federica, ministro dello Sviluppo economico del governo Renzi – nel corso della presentazione delle nuove società ammesse al programma Elite di Borsa italiana, rivolto alle piccole e medie imprese. “Forse dovremmo cominciare a pensare un pò più in grande, entriamo in questo percorso per valutare se noi siamo adatti alla Borsa e se la Borsa è adatta a noi”, ha spiegato Guidi. Il manager ha anche fatto una battuta sul ruolo della figlia, che dopo la nomina governativa ha lasciato gli incarichi nel gruppo: “Doveva essere qui mia figlia, ma ha scelto di fare temporaneamente un altro mestiere, aspetto torni in azienda”. Ducati Energia, che produce pale eoliche, generatori e i piccoli veicoli elettrici Duck (al centro di una polemica perché beneficeranno degli ecoincentivi varati proprio dal ministero dello Sviluppo), conta di chiudere il 2014 con un fatturato di 120 milioni di euro. “Il nostro obiettivo è arrivare a 200 milioni di euro in tre anni”, ha detto Guidi. “Credo che abbiamo la possibilità di raggiungere questa crescita per linee interne, ma certamente la Borsa ci consentirebbe di cogliere occasioni che da soli non possiamo cogliere”. Le esportazioni contano per “circa il 50%” ma “se si togliessero i tre clienti Enel, Terna e Ferrovie dello Stato raggiungerebbero il 90%”, ha spiegato Guidi. Vale a dire che gran parte delle vendite in patria si devono ad aziende pubbliche.

Tra le altre “new entry” nel programma Elite, lanciato due anni fa e a cui attualmente aderiscono 150 imprese, ci sono l’azienda di prodotti da forno Bauli e il produttore di arredamento Calligaris.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ue, gli economisti Stiglitz e Fitoussi attaccano euro e salvataggi bancari

prev
Articolo Successivo

Confindustria, Regina lascia la squadra di Squinzi. Malcontento degli industriali

next