Movimento 5 stelle contro Michele Santoro. Il conduttore di Servizio Pubblico, infatti, è finito nella rubrica ‘Giornalista del giorno’ sul blog di Beppe Grillo, dopo la puntata di ieri del programma in onda su La7. Il motivo? Tra gli ospiti della trasmissione c’era Mirko Lami, operaio della Lucchini, e fortemente critico nei confronti del leader M5s. Nel post, in particolare, si ricorda che l’operaio fu candidato con il Pd nel 2008 per il Senato in Toscana. “Vorrei una semplice risposta dall’operaio della Lucchini (candidato Pd in Toscana???) – si legge nel testo a firma di Paola L. di Verona – Perché tutto quell’accanimento contro Grillo? Perché non ha evidenziato che la sua situazione è il fallimento della classe politica? Perché tacciare Grillo di essere lì per fare campagna elettorale? Beppe è sempre stato presente nelle situazioni critiche per sottolineare la presenza di un Movimento fatto di cittadini e dalla parte dei cittadini”.

Non solo. Nel post c’è anche altro. E altre domande: “Beppe non si può paragonare a uno che si mette a mangiar la banana con il sorrisino da ebete – si legge ancora – Perché questa gente si ostina a star dalla parte della stessa gente che li ha portati a questa situazione? Perché si tengono in palmo di mano quei sindacati che invece che fare gli interessi dei lavoratori si son sempre piegati al volere del potere? Triste, molto triste assistere a trasmissioni faziose come quella di ieri sera ed ancora più triste che i cittadini che insieme potrebbero cambiare il Paese, non si sveglino e puntino il dito sull’unica forza politica che colpe non ne ha”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Programmi in tv stasera, Telefatto: Si può fare, Crozza e Berlusconi va a Virus

next
Articolo Successivo

Giulia Innocenzi conduce da sola, da giovedì arriva AnnoUno

next