In principio con una metodologia simile fu clonata la pecora Dolly. Era il 1996 e il mondo provò meraviglia e terrore. Ma quella tecnica oggi invece potrebbe essere di aiuto a chi è affetto da alcune malattie come il Parkinson e il diabete giovanile. Dai ricercatori è stata clonata quest’ultima. Le prime cellule staminali derivate da una donna con diabete giovanile sono state ottenute con una tecnica molto simile a quella utilizzata per far nascere Dolly.

Pubblicato sulla rivista Nature, il risultato segna il primo passo concreto verso la medicina personalizzata. Apre infatti la strada per poter riprogrammare le cellule di un paziente per sostituirle a quelle malate, senza alcun rischio di rigetto. L’esperimento è stato condotto in collaborazione da New York Stem Research Foundation e Columbia University, con il coordinamento di Dieter Egli.

I ricercatori hanno prelevato cellule della pelle della donna con il diabete di tipo 1 (o diabete giovanile), ne ha prelevato il nucleo e lo ha introdotto all’interno di un ovulo che in precedenza era stato privato del suo nucleo, in modo simile a quanto era accaduto quando era stata ottenuta la pecora Dolly. La nuova cellula così ottenuta ha cominciato a regredire e ha dato origine a un embrione, dal quale sono state prelevate cellule staminali.

Queste ultime sono a tutti gli effetti cellule della paziente con il diabete: potranno aiutare a studiare meglio la malattia, ma soprattutto potranno essere trasformate nelle cellule produttrici di insulina che nella paziente non funzionano più. Le nuove cellule sane potranno essere trapiantate senza problemi, sia perché hanno un numero normale di cromosomi sia perché sono perfettamente compatibili con la paziente. “Siamo più vicini a poter trattare i pazienti diabetici con le loro cellule produttrici di insulina”, osserva Egli.

Per i ricercatori il risultato è una prova di principio di come la stessa tecnica possa essere utilizzata per molte altre malattie, come Parkinson, sclerosi multipla, degenerazione maculare. Tuttavia la strada per trasformare le terapie su misura in realtà è ancora molto lunga, osservano i ricercatori, e dovrà superare anche ostacoli legislativi. Sono infatti numerosi i Paesi che attualmente vietano di produrre embrioni a scopo di ricerca.

L’articolo sulla rivista Nature

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Il venditore di medicine’: per curare o per farci ammalare?

next
Articolo Successivo

Stamina, almeno tre nuovi casi simili. Aifa: “È colpa della deregulation dei farmaci”

next