Se il nostro cibo preferito diventasse il nostro peggior nemico? Se una semplice passeggiata all’aria aperta ci causasse prurito, asma e altri fastidiosi disturbi? Se non è ancora stato realizzato di sicuro arriverà presto nelle sale qualche film catastrofista sull’epidemia di allergie e intolleranze a cui stiamo assistendo nei paesi industrializzati. Tra le varie teorie complottistiche non mancherebbe quella dell’inquinamento come causa scatenante. Ma l’inquinamento può davvero essere causa di intolleranze e allergie?

Le cause più diffuse sono predisposizione genetica, e sensibilizzazione dovuta all’esposizione ad allergeni. Alcune teorie fanno riferimento anche ad un’eccessiva igiene o allo stile di vita occidentale che manderebbero in tilt il nostro sistema immunitario. Sicuramente l’ambiente e in particolare quello delle nostre città giocano un ruolo importante.

Secondo il Prof. Giannattasio, medico, agronomo, esperto allergologo e autore del recente volume “Allergie e intolleranze alimentari” (I quaderni di Valore Alimentare, 2014) per milioni di anni ci siamo evoluti a contatto con un numero finito di sostanze, nell’ultimo secolo invece il loro numero è enormemente cresciuto, per cui il nostro organismo, in particolare il sistema immunitario, può impazzire e avere reazioni di difesa anche a contatto con sostanze non dannose come pollini o frutti. Questo spiegherebbe l’aumento di persone che accusano disturbi legati a reazioni allergiche e a intolleranze.

Il prof. Giannattasio sostiene che ogni giorno assumiamo più o meno consapevolmente almeno 100 sostanze chimiche di sintesi, attraverso il cibo, l’acqua e l’aria che respiriamo. La contaminazione del cibo e dell’ambiente costituiscono un fattore di rischio per diverse patologie come asma, dermatiti e possono portare a uno stato di stress con conseguente “sensibilizzazione chimica”.

Tra le sostanze a cui siamo maggiormente esposti nella vita di tutti i giorni ci sono fumi di combustione (rifiuti, sigarette, processi industriali), gas di scarico delle auto e prodotti per la casa (detergenti, profumi, vernici, colle, disinfettanti, antitarme, insetticidi).

Gli inquinanti fanno però anche peggio, interagiscono ad esempio con i pollini ricoprendoli e rafforzandone l’effetto allergenico. Gli ossidi di azoto e l’ozono, tipici componenti dello smog da traffico, ad esempio, sono tra i principali responsabili di questa interazione tra polvere e pollini capace di scatenare gravi reazioni allergiche quali asma e altri problemi alle vie respiratorie.

Oltre a quello che respiriamo conta anche quello che beviamo o mangiamo ogni giorno ed è forse la componente su cui è anche più facile intervenire per diminuire l’esposizione. La qualità del cibo è fondamentale per ridurre gli effetti di sostanze inquinanti, per questo motivo è consigliabile assumere alimenti che non siano stati esposti ad erbicidi e pesticidi.

In particolare ci sono due fasi della vita in cui è fondamentale ridurre questa esposizione ovvero la gravidanza e i primi anni di vita del bambino. Per prevenire e ridurre le probabilità di sviluppare sensibilizzazione chimica è utile evitare l’esposizione a sostanze dannose come fumo, vernici, solventi disinfettanti, gas di scarico, fare uso di farmaci solo se strettamente necessario, preferire cibi non trattati, di stagione e cercare di variare più possibile l’alimentazione.

Se ci sono disturbi sospetti e si ha il dubbio di avere allergie e intolleranze è preferibile affidarsi a medici specializzati ed effettuare test specifici come il citotossico, il kinesiologico, l’elettroagopuntura e il test di biorisonanza.

L’inquinamento quindi non è di per sé causa di allergie e intolleranze ma può aggravarne gli effetti e peggiorare i sintomi nei soggetti predisposti, per la cura restiamo in attesa. 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile: la Resistenza del paesaggio al mercato del lusso

next
Articolo Successivo

Reati ambientali, la legge che fa saltare i processi. E la grande industria ringrazia

next