Non solo social network: Facebook crea uno spazio dedicato in particolare ai giornalisti. Ha infatti presentato FB Newswire, una pagina che conterrà notizie sempre aggiornate, postate dagli utenti di tutto il mondo e verificate dalla società specializzata Storyful, di proprietà della News Corp di Rupert Murdoch e con la quale il social di Zuckerberg ha avviato una collaborazione. “Ogni giorno, le notizie nascono sulle nostre pagine – spiega in una nota Andy Mitchell, direttore News e Global Media Partnership di Facebook -. Più di un miliardo di persone usa la nostra piattaforma per scoprire, esplorare e partecipare agli eventi che fanno notizia nel mondo”. Mitchell specifica che si tratta di “una risorsa che renderà più facile per i giornalisti trovare, condividere e integrare le informazioni provenienti da Facebook nei contenuti che loro producono”.

Ad esempio, su FB Newswire sarà possibile trovare “contenuti con dignità di notizia, pubblicati da individui o enti di tutto il mondo, come foto originali, video e aggiornamenti di stato postati da persone che si trovano ad assistere a eventi come proteste, elezioni o gare sportive”. Accessibile anche su Twitter con il profilo @FBNewswire, la pagina viene aggiornata in tempo reale dagli specialisti di Storyful, service basato a Dublino e specializzato nella verifica delle informazioni che compaiono sui social network. “Secondo le stime, gli utenti di Facebook condividono 684.478 contenuti ogni minuto: per questo il social è una piattaforma straordinariamente interessante e in continua crescita – fa sapere Aine Kerr, responsabile editoriale di Storyful -. Per più di tre anni, la nostra azienda ha esplorato in profondità il mondo dei social, compreso Facebook, cercando di separare le notizie dal rumore, la verità dalla finzione, e condividendo le storie degne di essere raccontate. Ora abbiamo deciso di collaborare con Facebook per costruire una ‘casa’ che accolga queste storie in tempo reale”.

FB Newswire, aggiunge Kerr, “ospiterà i migliori contenuti di diverse categorie: le ultime notizie, ma anche le previsioni del tempo e gli aggiornamenti su sport e intrattenimento”. La pagina potrà ospitare solo post pubblici, che rimanderanno direttamente ai profili degli autori, in modo che i giornalisti interessati possano contattarli autonomamente, per chiedere chiarimenti e ulteriori informazioni. Facebook e Storyful, secondo il Wall Street Journal, hanno sottolineato con grande enfasi che su FB Newswire non ci saranno post privati, e il social di Mark Zuckerberg, sul quale ogni utente può decidere il livello di privacy dei suoi post, di recente ha avviato controlli per accertarsi che gli utenti sappiano se i loro contenuti sono pubblici o privati.

L’iniziativa di FB Newswire, nota il quotidiano finanziario, rientra nella strategia che Facebook sta mettendo in atto per competere con altri social, come Twitter e Reddit, che da tempo si sono accreditati come fonte di notizie fresche per i giornalisti. La partnership con Storyful, struttura in grado di verificare le notizie, dovrebbe rappresentare un valore aggiunto. “Crediamo che FB Newswire dimostrerà che Facebook è allo stesso tempo origine e destinazione delle notizie – afferma Kerr -. La tecnologia e i processi di verifica di Storyful, uniti alla vasta base di utenti di Facebook e alla sua dimensione mondiale, concorreranno a creare un servizio che speriamo le redazioni trovino valido e utile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pubblicarono atti non coperti da segreto, condannati otto giornalisti

prev
Articolo Successivo

Canale 5 è la nuova Rete 4

next