“Sono molto dispiaciuto e amareggiato che la mia analisi sia stata male interpretata. La mia presenza in FI e la mia lealtà nei confronti del Presidente Berlusconi e il mio sostegno pieno e convinto anche in questa campagna elettorale non sono e non saranno mai messi in discussione”.

Il senatore Sandro Bondi fa marcia indietro o almeno è quello che sembra a leggere la nota diffusa molte ore dopo la ripresa da parte di tutti i media della lettera pubblicata sul quotidiano La Stampa.  In cui l’ex ministro offriva una riflessione amara sul partito senza “strategia per il futuro” con un centrodestra diviso e in cerca di identità dove tutto è “affidato più ancora che nel passato al carisma di Berlusconi”.

“Sono molto dispiaciuto e amareggiato che la mia analisi sia stata male interpretata. La mia presenza in FI e – si legge in un comunicato – la mia lealtà nei confronti del Presidente Berlusconi e il mio sostegno pieno e convinto anche in questa campagna elettorale non sono e non saranno mai messi in discussione”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marta Dassù, dal ministero al cda di Finmeccanica. Sel: “Conflitto d’interessi”

prev
Articolo Successivo

25 aprile: a Pavia, Rifondazione evita che alla celebrazione parli il generale filo-duce

next