Il cancro della sanità italiana è la corruzione. Ne sono la prova i numeri forniti dal primo Libro bianco Ispe-Sanità (Istituto per la promozione dell’etica in sanità) presentato il 15 aprile a Roma. Nel 2013 la corruzione in senso stretto ha pesato per 6,4 miliardi di euro sui 114 miliardi di spesa pubblica destinati al comparto sanitario. A questo male vanno aggiunti 3,2 miliardi di inefficienza e 14 miliardi di sprechi per un totale di 23 miliardi persi a danno della salute (e delle tasche) dei cittadini.

I casi di illegalità si concentrano soprattutto al Sud (41 per cento), mentre al Centro sono il 30 per cento e al Nord il 23. E riguardano cinque settori precisi (stando al report “Corruzione e sprechi in sanità” curato da Rissc e Transparency International Italia e ripreso dall’indagine), con relativo bagaglio di illiceità, cito: 

Nomine: ingerenza politica, conflitto di interessi, revolving doors, spoil system, insindacabilità, discrezionalità, carenza di competenze.

Farmaceutica: aumento artificioso dei prezzi, brevetti, comparaggio, falsa ricerca scientifica, prescrizioni fasulle, prescrizioni non necessarie, rimborsi fasulli.

Procurement: gare non necessarie, procedure non corrette, gare orientate o cartelli, infiltrazione crimine organizzato, carenza di controlli, false attestazioni di forniture, inadempimenti-irregolarità non rilevate.

Negligenza: scorrimento liste d’attesa, dirottamento verso sanità privata; false dichiarazioni (intramoenia); omessi versamenti (intramoenia).

Sanità privata: mancata concorrenza, mancato controllo requisiti, ostacoli all’ingresso e scarso turnover, prestazioni inutili, false registrazioni drg, falso documentale.

In pratica, la corruzione è all’ordine del giorno, sotto la luce del sole e vive insieme a noi. Difficile oggi fare finta di non vederla. E i medici, se vogliono, sono dei complici perfetti. L’Ipse-Sanità ha individuato quattro cause di spreco attribuito ai camici bianchi: per “necessità”, “ignoranza”, “medicina difensiva” e “investimenti professionali mancati”.

Attenzione: la corruzione (insieme all’evasione fiscale e all’impunità diffusa) provoca una serie di effetti a cascata che minano la sicurezza della nostra società. Li cito dal libro bianco:

La spesa pubblica cresce per sprechi, inefficienza e aumento del costo di forniture e appalti. Il prelievo fiscale cresce per compensare l’aumento della spesa pubblica. La compensazione della spesa con le nuove entrate del fisco non è immediata, il debito cresce per effetto dell’eccessivo e crescente indebitamento, il rating nazionale diminuisce per il peggioramento del rating, l’accesso al credito diviene più difficile e costoso, avvengono tagli ai servizi pubblici, i consumi diminuiscono per effetto dell’impoverimento causato dai precedenti fattori. Il settore d’impresa si contrae. La disoccupazione aumenta. Crescono i costi per ammortizzatori sociali quindi la spesa pubblica”. 

Un incubo.  

La pubblica amministrazione ci mette del suo. Faccio subito un esempio fresco fresco. Febbraio, Milano: l’Azienda sanitaria di Corso Italia fa sapere che l’80 per cento dei medici di famiglia (cioè 1048 su 1123) negli ultimi dieci anni ha percepito i soldi dei rimborsi per circa sette mila pazienti residenti all’estero. Come è potuto accadere? In teoria l’Asl ha il compito di aggiornare il registro degli assistiti tramite l’Anagrafe comunale, che periodicamente invia all’Azienda i file con le variazioni (i decessi e i cambi di residenza). La Regione in teoria non c’entra nulla, visto che il database degli assistiti, che è unico, è alimentato direttamente dalle Asl… Intanto però l’Asl di Milano dal primo gennaio ha bloccato i pagamenti dei rimborsi e tramite raccomandata ha chiesto ai medici di restituire le quote percepite, che variano dai 300 ai 7/8 mila euro. Ma i sindacati (Snami e Fimmg) hanno minacciato di fare ricorso legale di massa. Ora l’Asl prende tempo e sta valutando caso per caso…

Morale: in Italia i sistemi informatici della Pubblica amministrazione non solo non si parlano ma sono anche causa di inefficienze mostruose. Il decreto Crescita 2.0 (179/2012) prevede l’anagrafe digitale nazionale della popolazione residente entro il 2015. Manca un anno, ci affidiamo ancora a una miriade di anagrafi locali e alle spalle abbiamo chissà quanti errori.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mete turistiche: le vecchie ferrovie, altro che rami secchi

next
Articolo Successivo

Il racconto di Terry Fullerton: “Io che ho battuto il mio amico Senna”

next