Mirandola, tra i comuni colpiti dal terremoto del maggio 2012, è quello più grande: 25 mila abitanti. Oggi, a due anni da quelle scosse che hanno portato alla morte 4 persone e causato danni incalcolabili, i cittadini si preparano a decidere se dare fiducia all’amministrazione uscente di centrosinistra o cambiare pagina. In campo, oltre a quella del sindaco uscente Maino Benatti (Pd), ci sono altre tre liste: centrodestra (Forza Italia, Ncd e altri), Lega Nord e Movimento 5 Stelle. ll tema principale della campagna elettorale è quello della ricostruzione: la popolazione è divisa tra chi si lamenta per il centro storico ancora ridotto a città-fantasma con 2.500 persone ancora fuori casa, e chi invece spiega che le lentezze derivano dai fondi che non arrivano da Roma. Intanto, però, sul fronte elettorale, il candidato del centrodestra apre alla lista di Beppe Grillo: “Se ci sarà il ballottaggio appoggeremo chiunque sarà chiamato a sfidare il Pd”  di David Marceddu
Vai allo speciale del fattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Mompeo di Moretti al voto, i paesani: “Meglio sindaco presente che vip blasonato”

next
Articolo Successivo

Comuni al voto: Mirandola, dove alle urne peserà la ricostruzione post terremoto

next