La buccia di banana di Nicola Cosentino e dei suoi fratelli, colpiti da un’ordinanza di custodia cautelare per estorsione e concorrenza sleale aggravata da finalità camorristiche sulla vendita di carburanti, è una pompa di benzina Agip mezza scassata a poche centinaia di metri in linea d’aria dallo stadio di Casal di Principe.  Si trova sulla Nola-Villa Literno, uno stradone in mezzo al nulla tra campi e gli scheletri incompiuti di fabbricati. Come, quattrocento metri più avanti, la pompa del ‘rivale’ Luigi Gallo, il piccolo imprenditore che con la sua denuncia ha osato sfidare il potere dei Cosentino, mai aperta e soffocata dalle erbacce. Ma anche l’impianto dei Cosentinos, l’unico dei due aperto e attivo, non se la passa bene. “L’unica cosa che si può notare – racconta al fattoquotidiano.it uno dei gestori – è lo stato in cui sta la stazione di servizio. Ci dovrebbe stare la nuova insegna, dovrebbe esserci scritto Eni e là fuori ci dovrebbero star scritti i prezzi e non ci stanno”. ” Il bar, il gas – continua – li abbiamo progettati dieci anni fa ma non sono più arrivati. Ci volevamo mettere in competizione con gli altri distributori, avete capito?”. “Nelle condizioni in cui ci hanno messo – conclude – a noi non ci conviene”  di Vincenzo Iurillo e Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Secessione Veneto, i veneziani: “Arresti ingiusti, l’indipendenza è necessaria”

next
Articolo Successivo

Bolle contro Expo: “Puntare su artisti italiani invece che sul Cirque du Soleil”

next