C’è una novità nell’editoria italiana che si chiama bookabook, ed è la prima piattaforma di crowdfunding del libro. Un po’ come per il britannico Unbound o lo statunitense Pubslush, è la community che sceglie un libro e ne sostiene dal basso la pubblicazione, realizzando un modello di business partecipato. Come funziona? Ti colleghi alla piattaforma, dove trovi una selezione di libri inediti, sia di autori affermati sia di esordienti, di cui puoi leggere subito l’anteprima.

Se ti piace la storia e vuoi andare avanti a leggere, puoi partecipare con un’offerta minima di 3 euro. Ogni libro per essere pubblicato ha 30 giorni di tempo per raccogliere la somma necessaria per coprire i costi della piattaforma e di chi ci lavora, di redazione e revisione dei testi, di lavorazione grafica e tecnica e di compenso dell’autore. L’idea è di due giovani imprenditori digitali, Emanuela Furiosi e Tomaso Greco, che hanno dato vita alla piattaforma assieme agli agenti letterari Claire Sabatié-Garat e Marco Vigevani.

«Decidendo di finanziare un titolo dal basso il lettore concorre in prima persona al successo del testo, entrando a fare parte di una community editoriale in cui i lettori diventano protagonisti del destino dei libri» spiega Tomaso Greco, 33 anni, milanese, «bookabook si sottrae alla divisione rigida cartaceo-digitale ma offre un’esperienza partecipativa, diversa sia dall’acquisto in libreria sia da quello in uno store digitale». Nel 2013 l’editoria tradizionale ha perso, rispetto all’anno precedente, il 9% dei lettori. Nello stesso periodo l’editoria digitale ha registrato un +17%. Il costo medio di un libro cartaceo è di 17,31 euro mentre quello di un titolo digitale è di 8,63.

 La prima proposta di bookabook è un giallo: “Solovki” di Claudio Giunta, docente all’università di Trento e già autore di saggi accademici, ma esordiente di narrativa. Il libro sarà pubblicato se verranno raccolti almeno 4.000 euro entro il 29 aprile 2014. Oltre al contributo base di 3 euro, si possono investire cifre crescenti che danno diritto a una serie di premi: con 25 euro, ad esempio, assieme all’ebook si ottiene un caricabatteria per tablet. Con 30, si riceve a casa il libro con dedica dell’autore in edizione cartacea limitata con copertina rigida. I due prossimi martedì del mese, conosceremo gli altri titoli proposti dalla piattaforma. Se non fosse raggiunto il plafond minimo, la cifra investita sarà interamente restituita. Se invece la campagna si chiude con successo, tutti i sostenitori riceveranno in anteprima il testo in formato ebook. E a quel punto il libro sarà pronto per avere vita propria e riuscire a sbarcare, magari, in libreria.

di Natascia Gargano

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vinitaly 2014 e oltre: a Verona un fine settimana ad alta gradazione alcolica

prev
Articolo Successivo

Viaggi – alla scoperta dell’Alto Adige: la Val D’Ega

next