Archiviazione per l’ex vice capo della polizia Nicola Izzo, per il prefetto Giovanna Iurato e per altri indagati nell’inchiesta sugli appalti per la costruzione del Centro elaborazione dati della polizia a Napoli. Izzo, dopo il coinvolgimento nell’inchiesta, si era dimesso dalla carica di numero due della polizia.

Al centro dell’inchiesta, avviata a Napoli e poi trasferita a Roma per competenza territoriale, l’appalto da 37 milioni per il Cen che, secondo l’accusa, venne “pilotato” e caratterizzato da una serie di pressioni e anomalie procedurali, in particolare sulle norme per gli appalti pubblici. Quell’appalto fu assegnato a varie imprese, invitate dal ministero a partecipare alla gara, guidato dalla Elsag-Datamat, società di Finmeccanica nonostante il parere negativo, anche per quanto concerne i profili economici, della commissione che doveva esprimersi sul lavoro.

Ad Izzo – difeso dagli avvocati Franco Coppi e Bruno Larosa – in particolare, veniva contestato il concorso in turbativa d’asta e la rivelazione del segreto. L’ex vicecapo aveva ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini e aveva chiesto di essere sottoposto, nel quale aveva chiarito la sua posizione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontro Robledo-Bruti su assegnazione inchieste, i pm di Milano convocati da Csm

prev
Articolo Successivo

Cosentino arrestato, la minaccia del fratello Giovanni: “Chi ha più forza quello spara”

next