Era il 19 ottobre 2012 quando il consulente italo americano Guido Ralph Haschke, accusato di essere l’intermediario delle presunte tangenti pagate dalla controllata di Finmeccanica AgustaWestland per la vendita di 12 elicotteri all’India, viene arrestato e scarcerato per riciclaggio in Svizzerra.

Ma l’uomo, considerato intermediario per la mazzetta, ha raggiunto un accordo con la Procura di Busto Arsizio (Varese) per il patteggiamento di un anno e 10 mesi di reclusione per corruzione internazionale. Il prossimo 11 aprile si terrà l’udienza davanti al gup per discutere sul patteggiamento. Secondo l’accusa, l’azienda che produce elicotteri nel 2010 avrebbe pagato tangenti a funzionari indiani per ottenere l’appalto da 560 milioni di euro.

Agli inquirenti poi Haschke racconta di aver versato somme di denaro, dall’importo oscillante tra i 50mila e 100mila euro, in cambio dell’interessamento per far ottenere consulenze presso società della holding, e chiama in causa Paolo Pozzessere, il dirigente Finmeccanica finito in carcere il 24 ottobre 2012. “A Londra – aveva affermato – gli diedi 10mila euro che lui mise in tasca e poi mi disse di averli smarriti. Ho pagato – ha poi spiegato – perché mi introducesse in altri settori. L’ho conosciuto che era in Alenia”. I magistrati avevano ascoltato Pozzessere che aveva ammesso i rapporti di conoscenza con Haschke negando con fermezza di aver ricevuto da lui somme di denaro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Droga: con la fine dell’impero di Darko Šarić, smantellato il suo cartello a Milano

prev
Articolo Successivo

Luigi Bisignani, due mesi di reclusione per le irregolarità negli appalti di Palazzo Chigi

next