Dapo 60 anni Iveco ferma la produzione in Venezuela. Lo ha fatto sapere la stessa casa italiana del gruppo Fiat.  “Con la crisi valutaria che continua a creare difficoltà all’industria nell’importazione dei componenti e delle materie prime – ha spiegato la società in una nota – Iveco si vede costretta a sospendere con effetto immediato le proprie attività produttive nel Paese”.

L’azienda “conferma comunque il proprio interesse per il mercato venezuelano e continuerà a essere a fianco dei propri concessionari e dei clienti, garantendo, attraverso le 32 sedi a livello nazionale, assistenza nei servizi e nei ricambi per tutti i veicoli Iveco. E’ intenzione di Iveco di riprendere le attività nello stabilimento di La Victoria non appena la situazione del mercato sarà migliorata e stabile”, conclude la nota. Nessuna precisazione invece sulle sorti dei 400 dipendenti dell’impianto che costruisce camion e telai per autobus per un totale di 1.770 unità prodotte nel 2013.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Moretti, Lupi puntualizza: “Le Ferrovie non devono fare solo utili, ma investire”

prev
Articolo Successivo

Evasione, Befera: “Dal blitz a Cortina del 2011 recuperati due milioni di euro”

next