Sono stati rinviati a giudizio i carabinieri e gli agenti di polizia coinvolti – secondo la procura – nella morte di Giuseppe Uva, deceduto in ospedale nel giugno 2008 dopo aver trascorso parte della notte nella caserma dei carabinieri di Varese. I pm del capoluogo lombardo, Agostino Abate e Sara Arduini, hanno depositato la richiesta di fissazione dell’udienza preliminare e di rinvio a giudizio per due carabinieri e sei poliziotti. Hanno quindi formulato l’imputazione per omicidio preterintenzionale, arresto illegale e altri reati.

Il passaggio segue l’ordinanza del gip Giuseppe Battarino, che aveva respinto la richiesta di archiviazione del pm disponendo l’imputazione coatta per i rappresentanti delle forze dell’ordine che intervennero a supporto dei militari. Nei prossimi giorni verrà fissata la data dell’udienza preliminare davanti al gup.

Secondo i familiari, assistiti dagli avvocati Fabio Anselmo e Fabio Ambrosetti, Uva, fermato ubriaco per strada insieme a un amico, avrebbe subito violenze in caserma prima di essere ricoverato in ospedale con trattamento sanitario obbligatorio. Il legale di carabinieri e poliziotti, Luca Marsico, intanto ha presentato ricorso in Cassazione contro l’imputazione coatta disposta dal gip.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia: gli inglesi negano l’estradizione per Roncadore. E ridono di noi

next
Articolo Successivo

Corruzione, chiesto processo per Formigoni e altri 12 per discarica amianto

next