Gli insegnanti precari milanesi contro il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini. Un gruppo di docenti aderenti al coordinamento “3 ottobre” si è dato appuntamento sotto la sede del Partito democratico di Milano per protestare contro la riforma annunciata dalla segretaria di Scelta Civica ed ex rettrice dell’Università per stranieri di Perugia. Lì ad attenderli c’era la deputata del Pd Simona Malpezzi, membro della Settima commissione e, quindi, impegnata proprio sul fronte dell’istruzione pubblica. I docenti precari chiedono che il ministro chiarisca la sua posizione su temi quali la “valutazione” e la “scelta” dei docenti da parte delle scuole, di fronte ad alcune dichiarazioni del settembre del 2013 fatte al periodico “Tuttoscuola“. “In quell’occasione – denuncia Ilenia Argento del Comitato 3 ottobre – l’attuale ministro dichiarò che gli istituti dovrebbero poter scegliere i propri insegnanti autonomamente e valorizzarne le qualità e l’impegno. Ciò significa ‘chiamata diretta’, a prescindere da graduatorie e a vantaggio di un maggior precariato“. “Ma questa non è la linea del Partito democratico – ha detto la deputata Malpezzi – e all’interno del nostro movimento non s’è mai parlato di chiamata diretta degli insegnanti. Sulla valutazione, invece, io stessa, come ex insegnante, non avrei affatto difficoltà ad essere valutata, con modi e metodi opportuni naturalmente”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi style per il finanziamento pubblico delle scuole paritarie

prev
Articolo Successivo

Adoloscenti e tecnologia: Prof suadente? No, grazie

next