Era oppresso dai debiti. Per questo un imprenditore edile di 53 anni di Modena si è ucciso impiccandosi. L’uomo ha scritto un messaggio ai familiari per spiegare i motivi del gesto. A più riprese avrebbe comunque manifestato le proprie difficoltà nel lavoro.

Il corpo è stato trovato da un parente nel solaio di casa, sede legale della sua azienda, nella zona del centro storico. Viveva insieme a moglie e due figli. E’ intervenuta la polizia, la salma è affidata alla medicina Legale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Modena, grave l’imprenditore del vetro Bormioli dopo scontro su A1

next
Articolo Successivo

Ravenna, Pd: “No a revoca cittadinanza a Mussolini. Non cancelliamo la storia”

next