Acqua politica – A come Acqua – così inizia la nona e nuova serie de Il Vocabolario in cucina.

Un paio di anni fa, in un piovoso novembre che a noi fiorentini ricorda sempre l’”alluvione”, scrivevo poche righe intorno all’acqua e al suo necessario “Governo”.

Prima di altre vittime, e lontano dalle emergenze, in questi giorni in cui il mondo “ragiona” intorno al più prezioso dei nostri beni, aggiungo al video quel breve appunto di pochi anni fa:

L’anno sta per finire. E ancora siamo qui a cercare di capire quel che lasceremo nell’andare incontro a quest’inverno che si presenterà freddo, ma non tanto da farci dimenticare la lunga estate passata. Il sole ci ha ubriacato con il suo pesante caldo, ma ci ha comunque sospinto verso acque rinfrescanti, mare per chi ha potuto, docce per chi ha dovuto, ma sempre e comunque acque rigeneratrici, capaci di mondarci dai sudori e dagli umori. Acque che ci danno sempre la sensazione di esserci amiche, benevole nel dissetarci, nell’annaffiare i nostri vasi, i nostri orti, e per i nostri campi e mai sono state così preziose come nell’assenza di questa passata stagione dove, ad esempio, i nostri olivi hanno patito per la sua mancanza. Acqua benevola dunque quando c’è.

Mai maledetta anche quando, abbondante, arriva inondando. Lo sappiamo bene noi fiorentini nati prima del 4 novembre 1966.  Chi dunque dovremo maledire, quest’anno come innumerevoli altre volte, per i morti di alluvioni rapide ed assassine nello strappare la vita, questa volta, sulle coste della civile Toscana e della civile Liguria? “Piove governo ladro!”, urlavano ortolani di altri tempi nei mercati mattutini, e noi, ragazzi allora studenti, li ascoltavamo ridendo. Forse sbagliavamo perché il Governo delle Acque è cosa fondamentale. E se il governo è ladro nel non governare ecco che si comincia a capire l’utilità e la necessità della buona politica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

DMax, la “nativa digitale” che piace ai maschi. In 2 anni è già cult

prev
Articolo Successivo

Ti cucino un film – ‘I soliti ignoti’ e i maltagliati con crema di ceci allo zafferano

next