A cinque anni dal terribile terremoto che sconvolse L’Aquila, 6000 ragazzi sono ancora costretti ad andare a scuola in 36 prefabbricati Musp, moduli a uso scolastico provvisorioDal 2009 ad oggi, la precarietà è diventata quotidianità. Solo nell’ultimo anno la manutenzione straordinaria dei 26 Musp del capoluogo è costata 444 mila euro.

Ad accendere i riflettori su questa situazione, venerdì 21, saranno il maestro e blogger de “Il Fatto Quotidiano” Alex Corlazzoli e il cantautore Luca Bassanese che porteranno in scena, proprio in queste aule container, lo spettacolo – concerto “La scuola siamo noi”, prodotto da Buenaonda con la regia di Stefano Florio.

L’idea di realizzare lo spettacolo (appuntamento in mattinata per gli studenti e alle 18 per la cittadinanza) alla scuola primaria “Gianni Rodari”, nella frazione Sassa, è dell’associazione Actionaid e del quotidiano online Newstown che già nello scorso mese di dicembre, avevano organizzato insieme, un incontro al Ridotto del Teatro Comunale sul tema: “L’Aquila del futuro. Quale prospettiva per le scuole della città?”. La scuola siamo noi”, già andato in scena anche a Mirandola in Emilia Romagna, sarà accolto in due Musp che hanno sostituito quattro scuole accogliendo più di quattrocento bambini.

“La scuola italiana come L’Aquila sono state distrutte. Ma noi – spiegano Corlazzoli e Bassanese – ripartiamo proprio da qui per lanciare una campagna di sensibilizzazione grazie al teatro: la scuola deve tornare a essere un bene comune e in questa città, i ragazzi hanno diritto a fare lezione e a crescere in aule adeguate come tutti gli altri bambini italiani”.

Un maestro di scuola elementare e un cantautore insieme: la collaborazione nata tra i due è frutto della volontà di non dimenticare l’articolo 34 della Costituzione. Lo spettacolo, che sarà un mix teatrale di parole e musiche, racconta com’è ridotta la scuola italiana oggi, ma è anche un divertente viaggio tra i banchi alla scoperta di ciò che i bambini pensano della politica italiana, cosa ricordano del secolo trascorso, quali sogni hanno per il futuro del Paese e come vivono questa crisi economica.

Un modo per essere vicini a chi ogni giorno combatte per andare oltre la precarietà a L’Aquila: proprio a Sassa, è nato il comitato “Oltre il Musp” formato da genitori, insegnanti e cittadini che nel 2012 hanno presentato alle istituzioni un progetto per la costruzione della nuova scuola, individuando anche i siti dove realizzare la struttura. Da allora, nonostante gli impegni presi dalle istituzioni, nulla è stato fatto. Intanto, come dichiarato dall’assessore del Comune dell’Aquila, Alfredo Moroni, a Newstowon “entro la fine del 2014 dovrebbero partire lavori per un totale di quasi 19 milioni di euro”. Non basteranno a dare nuove aule a tutti i ragazzi che fanno lezione nei container.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefania Giannini, Corte dei conti indaga sulla gestione a Università per stranieri

next
Articolo Successivo

Anvur, università italiana: dove va e dove vanno le risorse?

next