Eccola la lista dei segreti. Un lungo documento, con più di seicento titoli. Il tutto chiuso sotto chiave negli archivi della Camera dei deputati. Greenpeace ha appena pubblicato l’indice degli atti riservati o segreti acquisiti dalla commissione parlamentare d’inchiesta sui rifiuti della XVI legislatura – presieduta da Gaetano Pecorella – relativo al tema delle “navi dei veleni” (leggi). E’ il dossier più delicato tra quelli trattati dal parlamento fino al 2013, con connessioni dirette ai casi irrisolti della storia repubblicana. Come quello dell’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, il cui ventennale verrà ricordato il prossimo 20 marzo. O come quello della scomparsa del capitanoNatale De Grazia, morto “per causa tossica” il 13 dicembre 1995, mentre indagava sui traffici internazionali di rifiuti. Omicidi eccellenti, i cui mandanti sono ancora oggi sconosciuti.

Greenpeace lo scorso novembre aveva chiesto alla presidenza della Camera di avviare la desecretazione dei dossier sui traffici di rifiuti. All’inizio di marzo l’ufficio di presidenza ha discusso del tema, con una relazione della vice presidente Marina Sereni (Pd), che annunciava la selezione di 152 documenti. I dossier secretati sono in realtà almeno 2000, considerando solo l’ultima commissione rifiuti e la commissione Alpi-Hrovatin

Nella lista dei documenti segreti e riservati acquisiti dalla commissione Pecorella ci sono molti dossier estremamente rilevanti. Ad esempio si contano almeno un centinaio di fascicoli su Giorgio Comerio, il faccendiere italiano che negli anni ’90 proponeva l’affondamento delle scorie radioattive nei fondali marini. E ancora, due dossier provenienti dall’Aise (il servizio segreto con competenza sull’estero) sul caso Alpi: “Annesso nr.395 – prot. 279867/123/01 avente ad oggetto: Barre d’uranio – caso ALPI”, il primo, datato 24 ottobre 2003 e “Annesso nr.400 – prot. 90376/932/08DP avente ad oggetto: Ilaria ALPI Miran HROVATIN”, datato 8 aprile 2005. Tanti i documenti sulla Somalia, a dimostrazione che l’ipotesi dei traffici italiani verso il corno d’Africa non è una semplice tesi giornalistica: “Somalia, rifiuti tossici”, è il titolo di un fascicolo consegnato dall’Aise alla commissione Pecorella, datato 14 aprile 2005. Sempre nel 2005 i servizi di sicurezza hanno prodotto diverse note informative sui traffici di rifiuti e di armi diretti nel paese dove morirono Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.

Sulla procedura di desecretazione Articolo 21 ha lanciato nei giorni scorsi una petizione che verrà consegnata a Laura Boldrini, chiedendo di rendere pubblica tutta la documentazione depositata negli archivi di Montecitorio. A oggi nessun commento è arrivato dalla presidente della Camera. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Energia, la bufala della ‘green economy’

prev
Articolo Successivo

Macellazione: l’Ue vieti l’esportazione di animali vivi verso paesi terzi

next