La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per Massimo Vanzulli e Oreste Ceriani, finiti in carcere per turbativa d’asta e corruzione nel gennaio 2013 e all’epoca rispettivamente presidente e ad della società ‘Kaleidos’ ed esponenti del direttivo della Compagnia delle Opere di Saronno (Varese). La richiesta di processo, firmata dai pm Antonio D’Alessio e Paolo Filippini, riguarda un’altra ventina di indagati, tra cui alcuni manager di aziende pubbliche, tutti coinvolti in un procedimento su presunti appalti ‘truccati’ per un valore di circa 12 milioni di euro.

Lo scorso 23 gennaio, infatti, oltre a Vanzulli e Ceriani, erano stati arrestati anche Monica Goi, che era responsabile dei Servizi generali di Direzione dell’Aler (l’azienda lombarda di edilizia residenziale), Giancarlo Bortolotti, ex manager degli Istituti Clinici di Perfezionamento di Milano, e Cristina Clementi, ex responsabile dell’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate.

Secondo le indagini condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo, grazie alla compiacenza dei funzionari delle aziende pubbliche, ‘oliati’ anche a suon di mazzette o favori, Kaleidos, società di noleggio di auto aziendali, si sarebbe fatta compilare bandi su misura per poi aggiudicarsi appalti o farli vincere, secondo l’accusa, ad altre due società, la Arval e la Ald Automotive.

In questo meccanismo illecito, come raccontano le carte dell’inchiesta, a pesare più di tutto sarebbe stata la “rete di contatti di Compagnia delle Opere (e quindi di Comunione e Liberazione)”, che ha “rappresentato, per la Kaleidos un’efficiente modalità per l’individuazione di nuove opportunità commerciali”. All’epoca degli arresti erano state perquisite, tra l’altro, le sedi dell’Aler e di Metropolitane Milanesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, Spatuzza: “Le stragi non sono solo di Cosa Nostra”

prev
Articolo Successivo

Vittime della mafia, ora rischiamo anche il prelievo sulle nostre pensioni

next