A causa della crisi economica, in Grecia ben 2.653.032 contribuenti stanno letteralmente annegando nei debiti fiscali perché non possono permettersi di pagare le tasse in continuo aumento. Di conseguenza, come risulta dagli ultimi dati diffusi dal ministero delle Finanze ellenico, l’importo delle tasse non riscosse per il periodo dal primo gennaio 2013 al 31 gennaio 2014 ha raggiunto la cifra di 10 miliardi di euro. Nel corso dello stesso anno, stando alla stessa fonte, soltanto in 92.323 (pari al 3,48% di tutti i debitori) hanno regolarizzato i loro pagamenti versando nelle casse dell’erario poco più di 304 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondadori compra Anobii, il social network giapponese dei lettori

prev
Articolo Successivo

Istat: “Pressione fiscale cala in Unione europea, ma in Italia aumenta di tre punti”

next