A causa della crisi economica, in Grecia ben 2.653.032 contribuenti stanno letteralmente annegando nei debiti fiscali perché non possono permettersi di pagare le tasse in continuo aumento. Di conseguenza, come risulta dagli ultimi dati diffusi dal ministero delle Finanze ellenico, l’importo delle tasse non riscosse per il periodo dal primo gennaio 2013 al 31 gennaio 2014 ha raggiunto la cifra di 10 miliardi di euro. Nel corso dello stesso anno, stando alla stessa fonte, soltanto in 92.323 (pari al 3,48% di tutti i debitori) hanno regolarizzato i loro pagamenti versando nelle casse dell’erario poco più di 304 milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondadori compra Anobii, il social network giapponese dei lettori

next
Articolo Successivo

Istat: “Pressione fiscale cala in Unione europea, ma in Italia aumenta di tre punti”

next