Sabato 22 febbraio la notte danzante del Cocoricò è stata arricchita da una performance della compagnia di teatro contemporaneo Fanny&Alexander: per raggiungere la pista da ballo, gli avventori dovevano passare attraverso tre porte cabine al cui interno stazionavano altrettante coppie di artisti completamente nudi. Un tributo a Marina Abramovic che nel 1977 portò la stessa performance alla Galleria d’arte moderna di Bologna. Peccato che dopo un’ora e mezzo alcuni carabinieri in borghese bloccano tutto e portano gli attori in caserma con l’accusa di “concorso aggravato in atti e spettacoli osceni in luogo pubblico”. Denunciati anche il curatore della rappresentazione e Marco Palazzi, patron della nota disco romagnola: “Di osceno non c’era nulla. E’ assurdo che nel 2014 l’arte continui a essere censurata”. Intanto il caso è arrivato fino a Roma con l’interrogazione parlamentare presentata da Giovanni Paglia, deputato ravennate di Sel, per “grave violazione della libertà di espressione”  di Lorenzo Galeazzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Morto tassista picchiato in strada. All’aggressore contestato il dolo eventuale

prev
Articolo Successivo

Mannheimer indagato, dimissioni da presidenza Autorithy a Roma

next