Una potente esplosione provocata da un attentato terroristico ha investito un bus di turisti sul versante egiziano del valico di Taba (Mar Rosso), al confine fra Egitto e Israele. Al momento le vittime sono cinque sudcoreani (foto da Twitter), una ventina i feriti. Fonti di sicurezza egiziane dichiarano che nel veicolo – sul quale viaggiavano 33 turisti sudcoreani – sarebbero stati trovati resti umani riconducibili a un kamikaze. Le cause dell’esplosione però non sono ancora state chiarite. Si pensa a un attentatore suicida o a un’autobomba. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo terroristico “Ansar Bait al-Maqdis”.

L’Unità di crisi della Farnesina sta effettuando controlli, ma al momento “non risulterebbe la presenza di nessun italiano tra i passeggeri”. Ambulanze israeliane sono intervenute sul posto. Il bus tornava dal monastero di Santa Caterina e stava rientrando in Israele. La polizia israeliana ha confermato che si tratta di un “attacco terroristico”. L’ingresso di israeliani nel Sinai viene adesso impedito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cina, a Dongguan dove la prostituzione diventa ammortizzatore sociale

prev
Articolo Successivo

Egitto, torna violenza contro i turisti stranieri. Ma i tour operator sono ottimisti

next