Care italiane e cari italiani,

provo a riassumere alcuni fatti che hanno riscritto la storia recente del nostro paese.

Tra il 2006 il 2008 – secondo i magistrati napoletani – il Sen. De Gregorio, eletto con l’Idv, sottoscrive un “patto scellerato” (parole sue) con Berlusconi per far cadere il governo Prodi, che al Senato si regge su una maggioranza risicata. Il passaggio a Forza Italia e il “sabotaggio” del governo gli vale, dice, 3 milioni di euro: uno ufficiale al suo partito Italiani nel Mondo e 2 in nero tramite Lavitola. Nel gennaio 2008, con le dimissioni del Ministro Mastella indagato e il ritiro dal governo dell’Udeur, Prodi cade. Alle elezioni 2008 stravince il Centrodestra. Si insedia il quarto governo Berlusconi.

Nella direzione Pdl dell’aprile 2010 – quella del “Che fai? Mi cacci?” – si consuma la rottura con Fini, che nel luglio (espulso di fatto dal partito) dà vita a un gruppo autonomo: Futuro e Libertà.

Il 7 novembre, a Bastia Umbra, Fini chiede a Berlusconi di dimettersi e aprire la crisi. Una settimana dopo i finiani lasciano il governo. Mentre si preparano le mozioni di sfiducia, entra in campo Napolitano: “La finanziaria è inderogabile”, dice, e fissa con i Presidenti di Camera e Senato il voto sulla sfiducia solo dopo l’approvazione della manovra. Uno slittamento provvidenziale per Berlusconi (“Un mese è pure troppo per la compravendita dei parlamentari” disse Di Pietro), che ha il tempo per “mettere in campo le sue risorse economiche, seduttive e politiche” (parole del politologo Piero Ignazi) con i “responsabili” Scilipoti & C. e salvarsi nel voto del 14 dicembre. Cosa sarebbe successo se Napolitano non fosse intervenuto? Probabilmente Berlusconi sarebbe caduto.

Invece va avanti, con una maggioranza rabberciata e la crisi sempre più nera. Napolitano – sono le ipotesi di queste ore – studia contromosse: già a giugno-luglio 2011 (prima della lettera della Bce) sonda Monti per Palazzo Chigi. Il 9 novembre lo nomina senatore a vita, 3 giorni dopo Berlusconi si dimette e l’indomani Monti ha l’incarico per il nuovo governo. Cosa sarebbe successo se Napolitano non fosse intervenuto? Probabilmente si sarebbe votato e il Centrosinistra avrebbe vinto.

Monti dura poco più di un anno, poi il Pdl gli toglie la fiducia e a febbraio 2013 si vota. Ecco di nuovo Napolitano: rieletto Capo dello Stato dà il pre-incarico (nota bene) a Bersani e poi l’incarico a Letta. E dopo Letta ora tocca a Renzi. Perché Letta non va più bene? Il Capo dello Stato vuole rafforzare il governo o anche se stesso?

Care italiane e cari italiani, la storia che ci raccontano questi elementi – tra presunte compravendite e giochi di palazzo – è molto diversa da quella che avete indicato con il vostro voto nel 2006 (Prodi), nel 2008 (Berlusconi) e nel 2013 (no larghe intese). Si sono fatti e disfatti governi non scelti, in nome di una presunta stabilità e per impedire al Paese di “precipitare verso nuove elezioni anticipate“. Perché questo terrore per le elezioni, se poi manco vengono rispettate? Chi ci fa davvero “precipitare”: voi o loro?

In bocca al lupo.

Il Fatto Quotidiano, 14 febbraio 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sel, assemblea nazionale: “Crisi extraparlamentare. Noi all’opposizione”

next
Articolo Successivo

Governo Renzi, l’abbraccio di Verdini e Forza Italia per blindare l’esecutivo

next