“Oggi parlo solo di calcio”, aveva detto Diego Della Valle intercettato dai giornalisti davanti a Palazzo Vecchio, a Firenze. Ma, interrogato sulle dichiarazioni di John Elkann sui giovani che “non hanno un lavoro perché stanno bene a casa”, si è lasciato andare a un duro sfogo, riaccendendo l’ormai annoso scontro con l’erede Agnelli. “Il poveretto di Jaki non perde mai tempo di ricordare agli italiani che è un imbecille“, ha detto, suggerendo di fare un “referendum e chiederci se lo vogliamo ancora in Italia”.

“E’ una vergogna che uno degli Agnelli dica che oggi in Italia i giovani hanno i posti di lavoro”, ha aggiunto l’imprenditore marchigiano, a Firenze per assistere alla partita Fiorentina-Inter. “Uno che si permette di dire che i ragazzi stanno a casa perché non hanno voglia di lavorare, perché il lavoro c’è, è un imbecille – ha continuato – lo tengano a casa, lo tengano un po’ a riposo, vada a sciare”. Della Valle ha poi attaccato direttamente la Fiat. “John Elkann è uno che appartiene a una famiglia che ha distrutto una quantità industriale di posti di lavoro e, di conseguenza, anche le speranze di molti giovani”.

Ma questo è solo l’ultimo capitolo di una guerra che va avanti da tempo tra Elkann e Della Valle, che condividono a fatica l’azionariato del Corriere della Sera. “Ora basta con queste discussioni da pianerottolo, ce ne sono già troppe in questo Paese e non servono a nulla”, ha detto l’imprenditore marchigiano nei giorni scorsi rispondendo all’attacco dell’erede Agnelli, che aveva definito Mr Tod’s un “nano” rispetto ai concorrenti Prada, Armani, Lvmh e Kering. Dalla scorsa estate Fiat è il primo azionista della casa editrice del Corsera con il 20,5% del capitale, mentre Della Valle ne possiede il 9 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eni-Saipem, le accuse a Paolo Scaroni per le tangenti algerine

next
Articolo Successivo

Evasione fiscale, quando governa B. gli italiani truffano meglio: ecco la prova

next