[Deutschlandshaft, IX Mostra Internazionale di Architettura, Biennale di Venezia]Come una sala d’attesa. Al chiuso di stanze senza finestre accadono assemblaggi fotografici, simulazioni di spazio aperto.

Circondati dall’immagine di un futuro schiacciato nella bidimensionalità della parete, seduti come ad aspettare di vivere una vita che, in apparenza, sembrerebbe senza scampo.

“Leni Peickert dice al famoso domatore: Io ho intenzione di fondare un’impresa in proprio. Il domatore: Gentile signora, io sono lieto che lei lo faccia. Leni Peickert: Vogliamo mostrare le bestie come sono autenticamente. Il domatore: Autenticamente sono soltanto nella giungla. Leni Peickert dice: Ho letto libri sul cosiddetto male. Lei deve rivedere le sue opinioni!”

Alexander Kluge, “Gli artisti sotto la tenda del circo: perplessi”

[Deutschlandshaft, IX Mostra Internazionale di Architettura, Biennale di Venezia]

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2014: Fazio ci ripensa e invita il Club Tenco

next
Articolo Successivo

Libri: selvaggio West, processi ribelli e Albert Camus, il militante senza partito

next