Alta tensione all’attivo regionale della Cgil a Milano dove venerdì mattina è arrivato il segretario nazionale Susanna Camusso. All’incontro non era presente la Fiom, che non era stata invitata. E’ successo quindi che un gruppo guidato da Giorgio Cremaschi, storico esponente del sindacato dei metalmeccanici ora tesserato Cgil-Spi (sindacato dei pensionati), ha fatto irruzione nella sala dove era in corso l’assemblea per protestare contro l’accordo sulla rappresentanza che nelle ultime settimane ha decretato la spaccatura tra la stessa Camusso e il segretario Fiom Maurizio Landini.

All’irruzione sono seguite parole pensanti, ma anche spintoni e schiaffi. “Volevamo che un nostro delegato potesse formalmente intervenire, ma hanno reagito con la violenza per impedirlo”, ha attaccato Cremaschi, che annuncia: “Presenteremo una denuncia alla Procura della Repubblica: anche la Camusso è responsabile, le abbiamo chiesto di poter parlare e non ha fatto nulla”. E ancora: “Abbiamo presentato un volantino che ricorda che oggi è il trentesimo anniversario del decreto Craxi che abolì la scala mobile, riteniamo che l’accordo del 10 gennaio sia altrettanto grave”. Poi la stoccata finale. “Scissione? Devono buttarci fuori”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pignorabilità di stipendi e pensioni: Adusbef contro il ‘salva-Italia’

prev
Articolo Successivo

Il 2014 si apre con 440mila lavoratori in cassa integrazione: persi 700 euro a testa

next