“Se tutto va bene per le riforme ci vorranno tra i 18 e i 24 mesi. E dunque ci vuole un governo forte e autorevole. O altrimenti creiamo la strada più breve per andare al voto, il che significa fare una riforma elettorale visto che non può essere l’Italicum, un sistema pensato per funzionare con una sola Camera”. Così il bersaniano Alfredo D’Attorre nel suo intervento alla direzione Pd a Roma. Per il buon esito delle riforme, dunque, “serve un cambio di passo che non si fa a prescindere da un impegno convinto e totale del Pd”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, terzo referendum M5S: “Iscritti scelgono proporzionale corretto”

next
Articolo Successivo

Renzi: “Letta giochi a carte scoperte. Italicum? Non fa vincere Berlusconi”

next