Quando si parla di fobie il primo spartiacque degli specialisti è catalogarle per sesso: la paura di volare è più comune nelle donne, quella di morire è invece più frequente negli uomini, l’ansia da prestazione è di pertinenza esclusivamente maschile, la paura dei ragni soprattutto questione femminile. Statistiche  sono, molto indicative e sbrigative, nulla di più. Ce n’è una che è diffusa senza distinguere il sesso: è il timore di essere giudicato negativamente durante le occasioni sociali. Tutti si sono sentiti, almeno una volta, di non essere all’altezza nella conversazione. E’ piuttosto facile e neppure traumatico. Colpisce i giovani, più che gli adulti. Ma esistono persone che questo tipo di timore non riescono a superarlo. Una vergogna del proprio essere. Con tutto quello che questo può portare a una persona.

I sintomi più frequenti sono quello di parlare in pubblico, affrontare colloqui di lavoro, fare o accettare complimenti,  guardare negli occhi la persone fino a esprimere le proprie opinioni o addirittura mangiare o bere in presenza di altre persone. “Spesso”, spiegano i medici, “viene confusa con la timidezza, che fa parte del carattere. In realtà la sociofobia è la malattia di questo secolo, e l’alto tasso di single, di divorzi, licenziamenti, di abbandono scolastico, depressione e abuso d’alcol, ne sono gli indicatori”.

Per superarla può essere utile la psicoterapia. Ci sono casi più gravi che possono portare a conseguenze poco rimediabili e, in quei casi, è impossibile non fare ricorso ai farmaci.

Sempre per il valore che si può dare a una statistica, pare che i Paesi dove la sociopatia è più diffusa, siano il Giappone e il Brasile. E già questo può essere utile a capire quante forme diverse e sfumatura abbia la patologia e la difficoltà nel ricercare le cause.

emiliano.liuzzi@gmail.com

Il Fatto Quotidiano del Lunedì, 27 gennaio 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ipocondria, se fa rima con genio

next
Articolo Successivo

L’Avvocato e l’incubo del tempo

next