“Papà sto con un rasta, di colore e forse gay“. La confessione è di una figlia al padre. E il genitore in questione è Carlo Giovanardi che ha raccontato l’aneddoto durante una puntata di Porta a Porta (Rai1) a Bruno Vespa. Per il senatore del Nuovo Centrodestra, fervente cattolico e, proprio in questi giorni al centro di una polemica per aver paragonato nel testo sull’omofobia i gay con i pedofili) non è stato facile ascoltare queste parole dalla figlia, tanto che è addirittura svenuto e finito al pronto soccorso. Il senatore ha poi precisato: “Per fortuna adesso mia figlia è sposata con un’altra persona ed è mamma di figli. Quindi diciamo che, a parte lo choc, la mia storia ha avuto un lieto fine. La famiglia è una sola: con papà e mamma. In una coppia non c’è spazio per gli omosessuali”
(video tratto da Wil Nonleggerlo)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immigrati, nuova protesta choc nel Cie di Roma: 13 persone si cuciono la bocca

prev
Articolo Successivo

Stamina? “Metà del fondo sanitario 2014 a rischio. Sbagliata corsa alla deregulation”

next