aglio-sul-balconeUna coltura molto semplice che si può fare in questo periodo è l’aglio. Se si pianta ora, a primavera è pronto per essere utilizzato in cucina. Io l’ho fatto recentemente e ho preferito metterlo nei vasi, per non occupare le parcelle del mio piccolo orto-giardino e per evitare che i teneri bulbilli con le piogge potessero marcire. Penso che in ogni balcone o in ogni finestra ci siano già dei vasi. Se avete il pollice verde…saranno già impegnati e rigogliosi di fiori e insalate. Se invece sono tristi e aspettano di essere valorizzati….ecco la risposta al problema! La prima operazione da fare è zappettare bene la terra che deve essere soffice e ben mossa.

Quindi prepariamo i bulbilli. L’aglio l’avrete già in casa no? Io in genere compro l’aglio biologico che trovo facilmente in un super della mia città e non costa molto. Lo faccio soprattutto da quando per lavoro scrivevo comunicati stampa sui sequestri di aglio provenienti dalla Cina. E chi ci pensava che anche l’aglio potesse essere un prodotto importato? Comunque sia, da allora sto molto attenta a dove l’acquisto. E questo potrebbe essere un motivo in più per coltivarselo da soli. I bulbilli vanno ripuliti ben bene della tunica bianca, poi con le forbici bisogna tagliare la parte più secca. Così l’aglio è pronto per essere piantato.

Come dicevo non serve un grande contenitore. Il bulbillo non va interrato molto…basta scavare un pò e appoggiarlo con la punta rivolta in alto. Con la palettina poi va ricoperto con un velo leggero di terra. Per la distanza vanno calcolate almeno 4 dita l’uno dall’altro. Ogni tanto occorre innaffiare leggermente, poi a primavera, quando le foglie cominceranno ad ingiallire, l’aglio è pronto e a questo punto non rimane che imparare a fare la treccia…. da appendere in cucina.

Ne vale proprio la pena, perché molti sono gli usi di questa pianta e non solo in cucina. Pare abbia elevate virtù medicinali. Previene raffreddori, influenza, bronchite, tumori e malattie cutanee. Alcuni sostengono che riduca il rischio di malattie cardiache e tumorali e che rafforzi il sistema immunitario. Se alcune però sono delle pure leggende, dal mondo della ricerca arrivano conferme e certezze sull’attività medicamentosa. Un problema però l’aglio lo dà di sicuro…ed è un problema sociale. Chi mangia l’aglio, ahimè, lo si scopre subito…tanto che si racconta che Alfonso, re di Castiglia, nel 1368, istituì un ordine di cavalleria, i cui statuti tra le altre cose contenevano l’obbligo, per quei cavalieri che avessero mangiato l’aglio, di non comparire a corte e di non comunicare con gli altri cavalieri, “almeno per lo spazio di un mese”.   

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benetton: il capitalismo tinto di verde

next
Articolo Successivo

Processo Enel a Porto Tolle, arrivano le richieste di condanna: 3 anni per Conti

next