La commissione Finanze di Montecitorio ha approvato il decreto legge Imu-Bankitalia senza modifiche. Le principali misure contenute nel provvedimento sono l’abolizione della seconda rata Imu poi sostituita dalla mini-Imu; l’aumento di capitale della Banca d’Italia e le nuove regole sull’azionariato che porteranno lauti guadagni nei bilanci degli azionisti; l’incremento degli acconti Ires e Irap e gli interventi per agevolare la dismissione degli immobili.

Da martedì 20 il decreto legge sarà in aula, a Montecitorio, per ottenere il via libera definitivo entro il termine di conversione del 29 gennaio. L’appello lanciato dal ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, che aveva chiesto di approvare il testo senza modifiche, è stato quindi accolto dalla maggioranza. Resta l’impegno del numero uno di via XX settembre di “ritornare” su “cose specifiche”, relative a Bankitalia, in altri provvedimenti. La decisione di non toccare il decreto legge a Montecitorio non è però piaciuta alle opposizioni, che annunciano battaglia in aula.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fatturato industriale risale dopo due anni. Aumentano gli ordini, trainati dall’Italia

next
Articolo Successivo

Crisi, Fmi taglia stime crescita Italia. Mentre alza quelle mondiali ed europee

next