Seicento sfollati in provincia di Modena e un disperso a causa del maltempo a Bastiglia, dove proseguono le operazioni di evacuazione di cittadini rimasti nelle case circondate dall’acqua dopo la piena del fiume. L’uomo è sparito nelle acque di un canale durante le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco, che hanno salvato una seconda persona in difficoltà. Un’altra persona è invece dispersa in Liguria. La scorsa notte i lavori hanno consentito di ridurre la falla dell’argine del fiume Secchia con l’impiego di massi di grandi dimensioni. I lavori dell’Aipo di ripristino degli argini, spiega la Provincia di Modena, proseguiranno nelle prossime ore. La procura di Modena ha aperto un’inchiesta per disastro colposo dopo il cedimento dell’argine destro del fiume Secchia, che da ieri ha causato l’alluvione dei comuni a nord. Il fascicolo è stato aperto a carico di ignoti per stabilire eventuali responsabilità nella rottura del manufatto per l’importante flusso di acqua seguito alle piogge.

Video di David Marceddu

Per accogliere gli sfollati, sono stati aperti sei centri di accoglienza a Modena, Carpi, Medolla e Mirandola dove sono state assistite 270 persone alle quali se ne aggiungono altre 250 alle quali la Protezione civile ha trovato sistemazione negli alberghi, mentre altre 70 persone ‘fragili’ (anziani e non autosufficienti) sono state sistemate in strutture sanitarie dal 118. Gli allagamenti hanno raggiunto la provinciale 2 Panaria bassa allagando alcune aree intorno a Bomporto, tra cui la zona artigianale e lambendo la frazione di Solara. Allagata anche un’ampia zona tra il Naviglio e il Panaro a sud di Bastiglia e Bomporto fino a Villavara e nei pressi di Albareto, per ora risparmiato dalle acque.

A causa degli allagamenti restano chiuse la strada provinciale 2 Panaria bassa nel tratto tra Camposanto e Modena e la statale 12 Canaletto tra Bastiglia e Modena. Chiusa anche la provinciale 1 tra Sorbara e Bomporto. Per la piena tuttora in corso dei fiumi restano chiusi anche il ponte Alto e ponte dell’Uccellino a Modena sul Secchia, il ponte di Finale Emilia sul Panaro e il ponte vecchio di Navicello. Riaperti il ponte tra Ravarino e Bomporto sulla sp 1 e il ponte Motta a Cavezzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, il Riesame: “Kabobo non può stare in carcere, va trasferito in ospedale”

prev
Articolo Successivo

Asti, il commerciante è troppo digitale. Multato!

next